Mastoplastica additiva FAQ

//Mastoplastica additiva FAQ
Mastoplastica additiva FAQ 2017-12-01T08:52:14+00:00

Con le protesi al seno si può allattare?

Sì. Le protesi mammarie della mastoplastica additiva sono posizionate dietro la ghiandola mammaria, senza quindi interferire con la sua funzionalità. Conseguentemente la capacità di allattamento della donna rimane invariata.

Le protesi danno fastidio al movimento delle braccia?

No. Una volta normalizzati i tessuti, le protesi non si avvertono, se non per l’aumentato volume del seno, cui comunque ci si abitua in fretta.

Dopo la mastoplastica additiva si può dormire a pancia sotto?

Sì. Quando la guarigione è completa, la protesi non dà nessun fastidio ed è possibile riprendere la normalità. Il nuovo seno va vissuto come proprio e non si deve temere di incorrere in rischi: le protesi di ultima generazione sono testate e assolutamente resistenti alle sollecitazioni e all’usura.

Si vedono le protesi?

Se la mastoplastica additiva è stata ben eseguita e le protesi scelte sono proporzionate come forma e dimensione, no. Se i tessuti della paziente dovessero essere troppo sottili, il rischio di visibilità delle protesi viene scongiurato preferendo l’intervento con posizionamento retromuscolare degli impianti.

Quanto dura il risultato della mastoplastica additiva?

La mastoplastica additiva aumenta il seno e ne migliora anche la forma, la proiezione e la tonicità. La durata nel tempo di questi risultati è piuttosto lunga, oltre 10 anni, ma è subordinata anche ad alcuni fattori come: l’invecchiamento dei tessuti ed il loro naturale rilassamento, gli sbalzi di peso, gravidanze, fumo e stili di vita e usura delle protesi.

Se nel tempo il seno si rilassa, si può fare nuovamente la mastoplastica additiva?

Sì, la mastoplastica additiva secondaria è una opzione, magari con protesi leggermente più grandi per riempire nuovamente la cute rilassata. Se invece il rilassamento è troppo evidente, l’indicazione chirurgica ideale è la mastopessi con protesi, per un lifting del seno senza rinunciare al volume della mastoplastica additiva.

Si possono sostituire le protesi di un intervento di mastoplastica additiva precedente con protesi più grandi?

Sì, limitatamente a ciascuna situazione personale. È possibile ingrandire ulteriormente il seno eliminando le protesi precedenti a favore di altre più grandi di volume, o di forma più aggressiva, come le protesi rotonde. Bisogna ricordare comunque che il seno più bello è quello proporzionato al proprio fisico e bilanciato con l’ampiezza del bacino.